A dispetto di mode e cattive abitudini alimentari, la cosa migliore è quella di scegliere verdura e frutta di stagione e non solo per il suo sapore ma, soprattutto, per i nutrienti. Ecco la nostra scelta a proposito di verdure presenti nella stagione autunnale.

Le stagioni mutano inesorabilmente e con loro, anche i prodotti che la natura ci offre. In autunno ci sono tante buone verdure che permettono la realizzazione di piatti gustosi e sani. Poter degustare ortaggi di stagione ci permette di godere di innegabili vantaggi rappresentati da un più marcato sapore in quanto contengono solo pochi pesticidi ed essendo prodotti stagionali coltivati in serra, vengono a costare molto meno delle primizie importate da altri continenti. Seguici se vuoi sapere quali sono le verdure tipicamente autunnali e quali benefici apportano grazie alle loro proprietà.

Queste sono le verdure di stagione autunnali

Zucca

Sicuramente è la verdura più autunnale che ci sia. Non tutti sono a conoscenza che le zucche, indipendentemente da quale varietà sia, sono dense di fibre, antiossidanti, beta-carotene, potassio, magnesio e tante proteine e, per le loro peculiarità sono così versatili da poter essere utilizzate per tante gustose ricette. Sono un supporto ideale per il fegato, gli occhi e per mantenere in salute la pelle.

Cavoletti di Bruxelles

Le vitamine C e K contenute nei cavoletti di Bruxelles, gli antiossidanti e gli acidi grassi presenti, hanno il potere di combattere lo stress ossidativo cellulare che è presente nel nostro organismo e che in certe quantità è responsabile dello sviluppo di molte malattie come, ad esempio, il cancro. Questa verdura risulta molto utile anche per abbassare il livello di colesterolo e per mantenere le ossa in salute e fortificate.

Cavolfiori

Le tante fibre presenti nei cavolfiori sono dei poderosi antiossidanti in grado di proteggere l’organismo dall’inquinamento e, inoltre, offre il contributo di colina, un importante nutriente che spesso latita nel nostro corpo e che agisce come protezione del DNA e delle cellule. I cavolfiori possono essere posti in frigorifero ma solo per poco tempo ed è indicato mangiarli subito onde degustare tutto il loro delicato sapore.

Melanzane

La notevole presenza di fibre rende questa verdura, una significativa fonte di antiossidanti che aiutano le cellule a difendersi e a contrastare i radicali liberi. Da segnalare la presenza di antociani che caratterizzano le melanzane anche dal colore. Tra le proprietà di questa verdura troviamo il fatto che offre una protezione al cuore e che risulta particolarmente adatta a coloro che soffrono di diabete per via della quasi assenza di zuccheri.

Cavolo

Anche se lo si trova durante tutto l’arco dell’anno, è in autunno che il cavolo offre il suo migliore gusto. Tra le verdure a foglia larga è quello che presenta meno calorie ma, nel contempo, è quello che ha più sostanze nutritive e risulta ideale per chi abbisogna di una carica di minerali e di vitamine specialmente nelle diete. Tra le altre particolarità annotiamo la presenza di vitamina C, antiossidanti, fibre, luteina e polifenoli, facendo diventare uno degli ortaggi anticancro più importanti.

Barbabietole

Fonte di nitrati naturali che aiutano l’organismo nell’avere la pressione sanguigna regolare, la barbabietola contiene anche ossido nitrico che produce un aumento del flusso di sangue nei muscoli. Infatti è il cibo preferito da molti atleti che se ne servono bevendone il succo o mangiandole con lo scopo di migliorare le proprie prestazioni. Importante è anche la presenza della vitamina B9 che riduce il rischio di ictus e malattie cardiache e di fibre che stimolano la crescita dei batteri buoni dell’intestino.

Carciofi

I carciofi hanno la proprietà, oltre quella di essere una verdura autunnale tra le più gustose, di avere molte fibre che hanno la capacità di favorire la regolarità intestinale. I carciofi hanno poche calorie ma molti minerali, antiossidanti , vitamine C e K e sono ricchi di folato e di minerali come magnesio, fosforo, potassio e ferro, fortemente suggeriti per coloro che soffrono di anemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *